La viralità dell’hashtag #MeToo: su Twitter utilizzato 19 milioni di volte

204
0
Share:
#MeToo, l'hashtag da voce a chi ha avuto proposte indecenti

L’hashtag #MeToo è diventato virale su Twitter un anno fa proprio in questo mese. Sebbene il movimento sociale con lo stesso nome esistesse in anticipo, l’hashtag è stato reso popolare il 15 ottobre 2017, quando l’attrice Alyssa Milano ha invitato le vittime di abusi sessuali a condividere le loro storie su Twitter in seguito alle accuse di cattiva condotta contro il produttore di Hollywood Harvey Weinstein.

Tra le discussioni in corso sulle molestie sessuali sul posto di lavoro e oltre , ecco cinque conclusioni su come questi temi sono stati discussi su Twitter e altri social media nell’ultimo anno:

  • L’hashtag #MeToo è stato utilizzato più di 19 milioni di volte su Twitter dalla data del tweet iniziale di Milano fino al 30 settembre di quest’anno, secondo una nuova analisi del Pew Research Center sui tweet disponibili in lingua inglese. Ciò equivale a una media di 55.319 usi dell’hashtag al giorno. La giornata con il maggior numero di citazioni è avvenuta il 9 settembre, quando Leslie Moonves , presidente e amministratore delegato della CBS, si è dimessa tra accuse di cattiva condotta sessuale.

 

L'hashtag #MeToo è stato utilizzato più di 19 milioni di volte su Twitter

Analisi del Pew Research Center sull’hashtag #MeToo

 

  • Storie personali e celebrità di spicco sono stati gli argomenti chiave nei tweet di #MeToo. Il Centro ha condotto un’analisi separata di cinque periodi di tempo con un volume elevato di tweet #MeToo in inglese per esaminare la frequenza con cui sono stati menzionati tre argomenti specifici in relazione all’hashtag. Gli argomenti erano:
  1. Utenti di Twitter che condividevano storie personali di molestie
  2. Utenti che parlano dell’industria dell’intrattenimento o delle celebrità nei loro tweet
  3. Utenti che discutono di politica nazionale o politici

Circa il 15% dei tweet in questi specifici periodi di tempo ha menzionato le celebrità o l’industria dell’intrattenimento in modo più ampio, mentre il 14% ha fatto riferimento a storie o racconti personali. Una quota minore di questi tweet (7%) menzionava la politica o specifici politici. (I periodi di tempo elevati in questa analisi non corrispondono necessariamente al grafico sopra. Un singolo tweet potrebbe citare uno o più di questi argomenti, e i tweet che menzionavano più argomenti venivano contati in ciascuna categoria pertinente. Vedere metodologia per maggiori dettagli su questa analisi).

 

  • La maggior parte dei tweet di #MeToo in periodi di grandi volumi sono stati in inglese, ma l’interesse ha abbracciato più lingue. I tweet di #MeToo di circa sette su dieci (71%) su questi cinque periodi ad alto utilizzo sono stati scritti in inglese. Ma il movimento ha scatenato l’interesse dei social media in tutto il mondo e l’analisi mostra che il 29% dei tweet di #MeToo in questi periodi sono stati scritti in un’altra lingua, con Afrikaans (7% del totale), somalo (4%) e spagnolo (3%) che costituisce la quota maggiore dei tweet non inglesi che menzionano l’hashtag in questi periodi.

 

  • È comune per gli utenti di social media negli Stati Uniti vedere contenut
    La maggior parte dei tweet di #MeToo in periodi di grandi volumi sono stati in inglese

    Oltre #MeToo, troppi contenuti violenti

    i su molestie sessuali o aggressioni . Circa due terzi (65%) degli adulti statunitensi che usano i social media dicono che almeno parte del contenuto che vedono su queste piattaforme riguarda molestie sessuali o aggressioni. Questo include il 29% che afferma che gran parte di ciò che vedono sui social media è incentrato su questo problema, secondo i dati recentemente rilasciati da un sondaggio del Pew Research Center condotto all’inizio di quest’anno. È frequente che utenti di social media di vari gruppi demografici incontrino questo tipo di post. Ad esempio, gli uomini hanno le stesse probabilità delle donne

    #Metoo ha coinvolto i partiti politici

    Repubblicani e democratici hanno parlato di #MeToo su facebook

     

    di segnalare almeno alcuni contenuti relativi a molestie sessuali o aggressioni durante l’utilizzo dei social media.

  • Subito dopo le accuse di molestie sessuali di rilievo nel 2017, alcuni membri del Congresso hanno affrontato la questione sulle loro pagine Facebook ufficiali – ma c’era un ampio divario di genere nel farlo . Più di quattro membri su dieci del Congresso (44%) hanno menzionato la cattiva condotta sessuale in almeno un post sui loro account Facebook ufficiali tra l’1 ottobre e il 30 dicembre 2017, secondo una precedente analisi del Centro . In entrambi i partiti politici, i legislatori donne erano molto più propensi dei loro colleghi maschi a sollevare la questione nei loro incarichi.

Socialblogging è sempre attenta a questioni sociali è disapprova qualsiasi mancanza di rispetto nei confronti delle persone.

Summary
Description
L'hashtag #MeToo è stato utilizzato circa 19 milioni di volte su Twitter nell'ultimo anno, è stato reso virale il 15 ottobre 2017.
Author
Share:

Leave a reply